FUORISINK
(2019)





IT
Fuorisink si basa su un messaggio ricevuto da un mittente sconosciuto, una specie di auto-dichiarazione, un falso lascito epistolare senza destinatario redatto con ogni probabilità da una divinità che ha tutta l’aria di essere internet.
Prendendo spunto dalle parole presenti in codesta lettera, sulla falsariga di un desktop-documentario, costruirò una narrazione generata dall’incontro e dalla sovrapposizione di alcuni oggetti 3D, selezionati da Sketchfab e Scan The world, con alcuni errori e aberrazioni estetiche presenti nelle fotografie panoramiche a 360° realizzate dai turisti all’interno di musei. Il risultato sarà un mixaggio vero e proprio tra le anatomie dei manufatti scansionati e i particolari anatomici dei visitatori che ogni giorno, attraverso i propri scatti, alimentano il grande archivio del web dando sfogo agli innumerevoli impulsi dettati dalla condivisione.
Lo scopo di questo viaggio sarà di sottolineare, attraverso queste deformazioni, gli effetti dell’iper-visibilità dell’opera d’arte a cui oggi assistiamo, alla sua trasmigrazione verso un nuovo tipo di materialità, ma soprattutto si evidenzierà il suo ritorno al “grado zero”, ad oggetto che torna ad avere un contenuto aperto, passibile di un’ulteriore trasformazione e sottoposto ad un processo capace di generare nuove modalità di approccio alle immagini.
vedi pagina qui fuorisink.sink.sexy

EN
Fuorisink bases itself on a message received by an unknown sender, a sort of auto-declaration, a false bequeathal without a nominated addressee from a divinity that appears to be Internet.
Taking the cue from the contents of this message, along the lines of a desktop-documentary, I will work on building a narration of images generated by the encounter and the superposition of various 3d objects, selected from Sketchfab and Scan The World, with certain errors and aesthetic aberrations found in 360° photos created by tourists in museums. The result will be a mix between bodies of scanned artefacts and the anatomic parts of museumgoers, who each day feed into the great web archive.
The objective of this voyage is to underline, through these apparent deformations, the effects of hypervisibility of the artwork that we observe today in its migration towards a new type of materiality. I will highlight its return to being an open container, open to new transformations and processes that can generate new ways of seeing.
view page there fuorisink.sink.sexy